Tagliatelle di kamut, alici, pesto ignorante e ceci neri

Posted by on Dic 17, 2010 in Ricette | 4 Comments

pasta di kamut ceci neri

Ci siamo quasi, sabato vado ad ordinare la cucina! Intanto, giusto per non perdere il vizio, tornano gli spaghi su Guud Fuud. Si tratta di una vecchia ricetta mooolto interessante preparata in occasione di una delle numerose cene tra amici e ritrovata in un cassetto durante il trasloco: tagliatelle di kamut, ceci neri, alici e pesto ignorante

 

 INGREDIENTI per 4 persone 

  • 300 gr. di farina di kamut
  • 100 gr di farina 00
  • 4 uova fresche
  • 400 gr di ceci neri
  • 12 alici sott’olio
  • un mazzetto abbondante di basilico
  • brodo vegetale
  • olio evo
  • aglio 2 spicchi
  • pepe (qb)
  • sale (qb)

COME PROCEDERE

Mettete a bagno nell’acqua i ceci per 24 ore. Preparate con le farine e i tuorli l’impasto per la pasta, impastate fino ad ottenere un composto compatto e liscio. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare al fresco per circa 1 ora. Per preparare i tagliolini stendete la pasta, ripiegatela morbidamente e con un coltello tagliatela a fettine larghe circa 1 cm. Stendete la pasta e infarinate per evitare che le tagliatelle si attacchino. Preparate un brodo vegetale e lessatevi per circa 30 minuti i ceci neri (noti anche come ceci del solco dritto, sono solitamente coltivati nella murgia barese). Fate un soffritto con uno spicchio di aglio e fatevi sciogliere le alici, unite la metà dei ceci. L’altra metà la frullate con il brodo vegetale fino ad ottenere una vellutata densa. Intanto, con l’aiuto di un mortaio, preparate il vostro pesto “ignorante” unendo al basilico uno spicchio di aglio e olio evo a filo. A questo punto cuocete per pochi minuti le vostre tagliatelle in abbondante acqua salata. Saltate la pasta nel soffritto,unite il composto di ceci frullati, il pesto, un goccio di olio evo e decorate con i restanti ceci e una spruzzata di pepe.

ABBINAMENTO

Vino
Personalmente trovo che abbinare le alici al vino sia una cosa particolarmente difficile. In questo caso mi sento di consigliare un rosso del trentino, per esempio un Teroldego.

Birra
Non ho dubbi una Grimberger double, birra belga d’Abazia.

Did you like this? Share it:


4 Comments

  1. ste
    dicembre 17, 2010

    una domanda, che sono ignorante quanto il pesto…. ma perché sto pesto si chiama cosí?
    ps. spero che tu faccia un bel post report sulla nuova cucina 😉 non vedo l’ora di saperne di piú…

  2. guud fuud
    dicembre 17, 2010

    @ Ste. Ignorante perché mancano alcuni degli ingredienti del vero pesto 🙂

  3. beps
    dicembre 22, 2010

    mamma mia! questo è grande piatto!

  4. Pasta kamut
    settembre 17, 2014

    Una deliziosa combinazione di salsa di pasta, complimenti! Vale la pena provare!