Spaghetti aglio-olio con bottarga, limone e erbe aromatiche

Posted by on Ott 15, 2010 in Ricette | 9 Comments

Non riesco a spiegarmi questa voglia di pasta, evidentemente sarò diventato uno spaghettaro… Oggi vi propongo un altro piatto very easy, fatto di sapori semplici e naturali. Gli ingredienti? Easy anche loro: spaghetti, aglio, olio, bottarga, limone e erbe aromatiche.

INGREDIENTI per 4 persone

  • 400gr di spaghetti
  • bottarga di muggine
  • aglio, 2 o più spicchi secondo il proprio gusto
  • limone, ne basta mezzo
  • erba cipollina
  • maggiorana
  • olio evo (extra vergine d’oliva)
  • sale

COME PROCEDERE

Sbucciate gli spicchi d’aglio, tagliateli a metà per il lungo e levate l’anima centrale – è un filetto tendente al verde – così eviterete buona parte del problema dell’alitosi. Preparate sul fuoco un ampio tegame con dell’olio evo (non esagerate, aggiungeremo quello che serve a crudo ultimata la cottura) e metteteci a soffriggere i pezzi di aglio, facendo molta attenzione a non bruciarli perché vi rovinerebbe il sapore del piatto. Nel frattempo avrete preparato l’acqua nella quale cuocere la pasta. Inutile dilungarsi sul metodo di cottura senza fiamma (date un occhiata alla ricetta scialatielli e gamberi rossi di Sicilia). Quando l’aglio comincerà a diventare traslucido prelevate mezzo mestolo di acqua di cottura della pasta e versatelo nel tegame del soffritto. L’acqua e l’amido degli spaghetti vi permetteranno di servire un piatto ben amalgamato e soprattutto non asciutto. Fatta questa operazione levate gli spicchi d’aglio, schiacciateli fino ad ottenere una specie di purea (tecnicamente un balsamo) che rimetterete a cuocere nel tegame. Un trucchetto imparato da Nicola Cavallaro, chef e patron del ristorate al San Cristoforo, durante una lezione di cucina che pubblicherò prossimamente.
Cotta la pasta, unitela al vostro aglio-olio e fatela saltare, unendo la scorza di limone e la bottarga di muggine grattugiata. Impiattate aggiungendo altra bottarga tagliata al coltello, un giro d’olio evo, guarnite con erba cipollina, e un rametto di maggiorana fresca… et voilà!

ABBINAMENTO

Vino
Blanco! Io ho scelto un Vermentino ligure, un vino fresco e giustamente sapido.
Birra
Una bionda, provate una belga di razza tipo la Duvel.

Did you like this? Share it:


9 Comments

  1. Dalmazio
    ottobre 15, 2010

    Ciao Gianluca,
    è una ricetta che sicuramente è molto buona. Ma per uno che odia il pesce in tutte le sue forme cosa suggerisci?

  2. Guud Fuud
    ottobre 15, 2010

    … non ti preoccupare ci saranno ricette adatte anche a chi non mangia pesce

  3. marco pistone
    ottobre 15, 2010

    Ciao Gianluca, vorrei abbinare un cocktail ad ogni tuo piatto e poi farne un ricettario e successivamente un libro, mi piace un casino il tuo stile, che ne pensi………………

  4. angelo
    ottobre 15, 2010

    io avrei spalmato i sapori con un cucchiaio di pane grattuggiato fritto con l’aglio – olio

  5. JLG
    ottobre 16, 2010

    Marco, l’idea mi piace molto, parliamone…

  6. JLG
    ottobre 16, 2010

    è una bell’idea, il pangrattato saltato a parte con aglio, olio e prezzemolo, e unito alla fine darebbe al piatto un effetto “croccante”. Interessante… proverò magari anche in una pasta con le Alici fresche

  7. Elio
    ottobre 17, 2010

    Non so se è corretto allungare l’olio con l’acqua di cottura.
    Mi sono accorto che tutto l’aglio è rimasto in padella…e il piatto sapeva molto di erbe aromatiche e bottarga.

  8. JLG
    ottobre 18, 2010

    Ciao Elio, la prima cosa che mi viene in mente è che probabilmente hai esagerato un po’ con l’acqua. L’aglio va poi ridotto in crema (balsamo) e rimesso in pentola. Importante anche la fase in cui fai saltare la pasta. Con il metodo di cottura suggerito per la pasta ti puoi anche permettere il lusso di farla saltare un po’ di più senza temere che scuocia.

  9. ste
    ottobre 18, 2010

    mm… credo che l’acqua con l’olio sia fondamentale se vuoi creare un emulsione… il fatto é che se allunghi l’olio e poi non agiti la miscela, otterrai 2 fasi separate… pasta all’acquetta con dell’olio aromatico… 😀 se agiti agiti il tutto con la pasta, emulsioni e crei un risultato + cremoso… (ovviamente dipende dal tempo… ma é lo stesso processo che segui per fare una maionese o una olandese… )